Diciamo che il 2012 è stato un anno iper impegnativo per l'associazione A.V.A.N.I .

A seguito del 13 Febbraio dalla sentenza di Torino per il caso ETERNIT ,che ha condannato a 16 anni di carcere il Barone Belga Louise De Cartie e l'arci miliardario svizzero Stephan Schmidheiny,si sono avviate il 16 aprile  le udienze preliminari per i dieci imputati della Fibronit di Broni. Noi come associazione e come parti private ci siamo costituiti parti civili e, confidando nella giustizia, abbiamo sempre presenziato a tutte le udienze fino all'ultima del 15 novembre, dove il GUP Perulli ha rinviato a giudizio 8 dei dieci imputati,accettando il rito abbreviato condizionato all'esame di alcuni testimoni , per due dei dieci imputati assistiti dagli avvocati Folchi e Pistolesi. Io resto sempre della mia opinione"qualora uno o più imputati risultassero colpevoli,non meritano nessuno sconto della pena"invece così chi ha chiesto ed ottenuto il rito abbreviato avrà lo sconto di un terzo sulla pena. Gli abitanti oltre padani che hanno contratto una patologia asbesto correlata che li ha portati alla morte non hanno avuto nessuno sconto di martirio.

Il 2012 non è stato solo l'anno in cui è iniziato il processo,ma grazie alla testardaggine del'AVANI e del Prof Gino Volpato il 24 aprile è iniziata a Stradella la fase sperimentale dell'ambulatorio amianto curato dall'equipe dello stesso professore. L'A.V.A.N.I per il periodo sperimentale(cioè fino a fine giugno) ha sostenuto le spese d'affitto di questo ambulatorio amianto, che offre visite gratuite a tutti quei soggetti che ritenendosi a rischio,hanno la volontà di sottoporsi ad una visita che comprende anche un spirometria.

Nel 2012.esattamente  martedì 3 aprile la visita di Balduzzi a Broni,dove ha incontrato le istituzioni e le associazioni  impegnandosi  a seguire il nostro caso e a dare risposte al nostro territorio. La visita del ministro della salute ha portato conforto,ma anche la consapevolezza che ora anche Broni è al centro dell'attenzione come Casale Monferrato.

A.V.A.N.I. nel 2012 ha portato avanti con convinzione il sistema dell'inertizzazione ,che è l'alternativa alla discarica amianto che non elude il rischio del minerale,ma tale proposta non è stata condivisa dagli altri attori del territorio che si stanno occupando adesso del problema amianto e quindi AVANI  ha fatto,in modo intelligente,un passo indietro rendendosi conto che ancora il territorio non è pronto a recepire tale innovazione . Il 25 giugno il presidente A.V.A.N.I. Silvio Mingrino, invitato dall'Onorevole Senatore Oreste Tofani, presidente della Commissione Parlamentare d'inchiesta sul fenomeno degli infortuni sul lavoro ,chiamata anche Commissione delle Morti Bianche,presenzia alla Giornata Nazionale di Studio Sulla Salute e Sulla Sicurezza Sul Lavoro. A questa giornata partecipano le più alte autorità dello Stato e del Governo compreso il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Il presidente A.V.A.N.I è soddisfatto di aver portato il  territorio pavese all'attenzione delle più alte cariche dello Stato.

Il 17 settembre parte del direttivo A.V.A.N.I. presenzia a Casale Monferrato  al convegno di preparazione per la Conferenza Governativa del 22/24 novembre che si è poi tenuta a Venezia.

Il 7 ottobre A.V.A.N.I. organizza un convegno a Voghera presso il Centro Culturale Adolescere . Il convegno è a scopo informativo poiché  dai risultati di una ricerca fatta dall'ASL,Voghera conta nel 2011 sei vittime dell'amianto e Voghera risulta un paese sprovvisto di censimento amianto aggiornato.

Grazie ad A.V.A.N.I. a quattro cittadini di Broni viene riconosciuto il Fondo Vittime dell'amianto,che pur avendone i requisiti non rientravano nell'elenco dei nomi degli avente diritto. AVANI riesce a far ottenere, attraverso il legale Prof.Ezio Bonanni di Roma,i benefici contributivi a Franco Ferro il quale si è trovato in condizione di essere mandato in pensione.

14 novembre AVANI partecipa a Roma  al convegno Nazionale O-N-A Osservatorio Nazionale  Amianto onlus Roma

22/24 novembre A.V.A.N.I. prende parte alla Conferenza Nazionale Governativa,riesce anche a parlare con il ministro Fornero e a fargli notare che grazie alla Sua riforma,anche le persone che hanno contratto una patolgia che non dà loro scampo non possono andare in pensione.

16 dicembre 4°concerto commemorativo per le vittime dell'amianto ,tenutosi in chiesa a Stradella presso la Parocchia Santi & Nabore Felice,prima dell'inizio del concerto il Ministro Prof. Renato Balduzzi parla al telefono con Silvio Mingrino, rinnovando al territorio la sua massima disponibilità.

A.V.A.N.I Dalla data della sua fondazione non si è mai risparmiata su niente al limite del possibile e con questo spirito proseguirà anche durante il 2013

 

 

Dall'anno in corso A.V.A.N.I. e penso anche tutti gli altri, si aspetta che le tante parole dette fino ad oggi possano diventare fatti. Il primo agosto del 2009 AVANI chiedeva strutture di cure palliative a favore di chi è affetto da mesotelioma pleurico, da far nascere sul territorio Broni,almeno così non si ha il disagio di saltare da un ospedale all'altro. Quindi è necessario avere una struttura adatta a prendersi carico di chi si ammala ed accompagnarlo per tutto il periodo che necessita ,senza che l'ammalato debba avere disagi dovuti alla lontananza del centro di cure.

L'anno in corso deve essere anche l'anno della bonifica della Fibronit. Nel mese di dicembre scorso il Sindaco Paroni ha riunito associazioni e parte di politici del posto per discutere su dove mettere l'amianto della Fibronit: è emerso per maggioranza che si potrebbe seguire il metodo di Casale Monferrato,cioè confinare in loco l'amianto. Ma ci mancano le vasche di cemento armato,quindi si potrebbe valutare la proposta di A.V.A.N.I. nell'utilizzare i PRE-BOX (sarcofaghi di cemento armato che allontanano per almeno 100 anni il rischio amianto),naturalmente visto che né il Sindaco e ne il presidente dell'A.V.A.N.I sono tuttologhi,mi auguro che al prossimo incontro con il Sindaco possano partecipare e spiegare la soluzione proposta anche l'ideatore del contenitore in cemento armato ed altri tecnici.

 

Una cosa è certa: fin tanto che al ministero Broni non dice dove intende stoccare l'amianto,da Roma non arriveranno mai i soldi.

Avani continuerà a favorire la ricerca,sia della giustizia,sia delle cure più appropriate .

 

Dopo la Conferenza governativa di Venezia è nato il coordinamento nazionale degli ex esposti e delle vittime dell'amianto del quale A.V.A.N.I. ne fa parte. Si è avuta notizia oggi che il 13 Febbraio  alle ore 15 il coordinamento sarà ricevuto a Roma al ministero della salute,dove una delegazione incontrerà il dott. Ruocco e il dott. Oleari . AVANI sarà presente.

AVANI si aspetta anche che il dottor Guariniello Raffaele possa valutare le prove inconfutabile della collaborazione tra Fibronit e Eternit Austria ,consegnate alla Sua attenzione, il 17 ottobre 2011dal presidente AVANI.

AVANI prosegue l'informazione presso lo sportello amianto disposto nella sala Consigliare del Municipio di Portalbera  il secondo e quarto Sabato mattina del mese

Per informazioni e fissare un appuntamento rivolgersi al numero della segreteria AVANI 334 857 34 22 . il lunedì il mercoledì il venerdì dalle 16.30 alle 18.30 .

O al 331 9476730 il martedì e il giovedì dalle 9 alle 18